PIANOFORTE JAZZ - accademusica

Vai ai contenuti

Menu principale:

CLASSICA
Programma didattico - Pianoforte jazz
armonia e analisi e repertorio.
Studio degli accordi Triadi: definizioni generali, classificazione Scrittura a 4 parti, raddoppi, disposizioni, rivolti. Principi di condotta delle parti e collegamento di accordi. Uso dei rivolti Il basso numerato. Accordi di settima: classificazioni generali (specie, principali, secondari) Accordo di settima di dominante: uso, risoluzioni, rivolti. Accordi di settima di sensibile e settima diminuita Accordo di settima sul secondo grado: uso, risoluzioni, rivolti. Le funzioni tonali; Le cadenze; Tonicizzazione e modulazione.
Settime su tutti i gradi: risoluzioni, rivolti. L’armonizzazione del basso non numerato. Le progressioni. I ritardi. Approfondimenti su tonicizzazioni e dominanti secondarie. L’elaborazione melodica e motivica; note estranee: tipologia ed esempi.
Accordi alterati: accordi di sesta aumentata; accordo di sesta napoletana. Principi di fraseologia, analisi e forma. La “texture” musicale.
Analisi di brevi composizioni.
Le sigle in uso nel repertorio “standard”, realizzazione con tonica terza e settima. Cadenze II V I a tre voci
(tonica terza e settima)
Forma e armonia negli “standards”, primo approccio.
Il blues delle origini Primo approccio ella scale modali
Cadenze II V I a tre e quattro voci tonica terza  settima e una estensione
Solfeggio cantato dei brani di repertorio “Standard” della canzone americana e del jazz, accompagnamento al piano con tonica, terza e settima
Il blues con i cambi armonici del periodo Swing e Bebop
Accompagnamento pianistico dei brani “Standard”, realizzato a quattro voci.
Realizzazione al pianoforte di alcuni brani “Standard” con melodia, tonica e due voci interne
Concetti ritmici, il 12/8 nella musica afro americana, i tempi “deboli” il concetto di “swing”
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu