CONTRABBASSO - accademusica

Vai ai contenuti

Menu principale:

CLASSICA
 
 
 

David Medina

Si diploma in Contrabbasso nel 2005 sotto la guida di Leonardo Colonna a Piacenza e si
specializza ai corsi internazionali di Portogruaro con Ubaldo Fioravanti dal 2003 al 2005. Vince
nel 2006 la borsa di studio del campus delle arti e dei saperi Ha collaborato con diverse
Orchestre ed Ensemble da camera sia come fila che come primo contrabbasso come l' Orchestra
Filarmonica Italiana, orchestra Zanella di Piacenza, Nova Amadeus Chamber Orchestra,
Ensemble XXI, Tuscia Operafestival, Orchestra sinfonica di Murcia, Filarmonici di Verona ed
altre formazioni da camera tra cui l' Ensemble flamenco di Andrea Mercati e il Nello Salza
Ensemble.
Ha studiato Basso elettrico, Contrabbasso jazz ed Armonia con Mario Guarini, Massimo
Moriconi ed Andrea Avena, John Patitucci.
Svolge um intensa attività nell' ambito della musica pop e jazz principalmente a Roma, dove ha
collaborato con diversi artisti tra cui Marcello Rosa, Gianni Di Crescenzo, Sally Moriconi, Julia
Lenti, Claudia Arvati, Adriana Ruocco, Kiara e gli Skuri (Nina Zilli), Mardi Gras, Giancarlo
Ingrassia, Francesco Armocida, Mariano Soriente, Lino Rufo & NoGospel, Elisa Costanzo,
Miriam Alessandri, Moreno Romagnoli, Raquel Silva Joly, Daniele Bragalia e molti altri sia live
che in studio, esibendosi anche all' estero in Spagna, Svizzera, Gran Bretagna e Guatemala.
Parallelamente all' attività musicale svolge un' intensa attività didattica sia come insegnante che
come coordinatore in diverse scuole di musica della capitale.

programma didattico


Programma accademico in 5 annualità di tipo accademico (cons frosinone)
1a annualità - programma di studio:
Studio delle posizioni sul contrabbasso con l’ utilizzo del Metodo Simandl vol.1 e del Primo corso teorico
pratico di Billè.
Scale e arpeggi in tutte le tonalità maggiori e minori.
Triadi e accordi di settima, scale modali e arpeggi sui gradi della scala maggiore.
Scala blues.
La mano destra: tecnica dell’ arco e del pizzicato.
Costruzione delle walking bass lines: approccio scalare, cordale e cromatico.
Analisi di linee di basso di importanti autori come: Jimmy Blanton, Oscar Pettiford, Ray Brown, Sam Jones,
Ron Carter e altri.
Concezione ritmica nel jazz: lo swing, accompagnamento in due e in quattro.
Il repertorio nel jazz: IL BLUES e IL RHYTHM CHANGES, la forma SONG.
Studio e analisi di 15 composizioni di celebri autori.
Studi di repertorio classico: tratti dai 30 Etudes di Simandl dal N° 1 al N° 15 con base musicale, e dalla
raccolta di brani di basso barocco.
Altri eventuali brani scelti dal docente.
Studio dei brani per big band raccolti nel volume “Sittin in with a big band vol.1” e da vari volumi della serie
play a long di Hal Leonard.
2a annualità - programma di studio:
Studio delle posizioni: transizione tra posizioni sul manico e capotasto.
Continuazione del metodo Simandl vol. 1.
I modi della scala minore melodica e minore armonica. Studio degli accordi costruiti sui gradi delle scale
minori. Scale pentatoniche e scale esatonali, scale diminuite semitono tono e tono semitono.
Le scale bebop maggiori, minori settima e settima di dominante e loro applicazione sulle progressioni più
utilizzate nelle jazz songs.
Costruzione degli assoli: variazione melodica del tema, approccio lineare all’ improvvisazione con l’ utilizzo
del metodo “Playing the changes” di Paul del Nero. Teoria e tecnica delle Outlines e loro applicazione sulle
progressioni armoniche di standards jazz.
Costruzione di walkin bass lines più complesse e linee di basso su ritmiche bossa nova, latin jazz, calypso.
Studi di repertorio classico: tratti dai 30 Etudes di Simandl dal N° 16 al N° 30 con base musicale e dai 110
Studies For String Bass dello Sturm. Altri eventuali brani scelti dal docente.
Studio dei brani per big band raccolti nel volume “Sittin in with a big band vol.2” e da vari volumi della serie
play a long di Hal Leonard.
Analisi ed esecuzione di linee di basso di importanti autori come: Ron Carter, Ray Brown, Scott La Faro,
Charles Mingus, Art Davis, Paul Chambers ed altri.
Analisi e lettura di assoli di importanti bassisti della tradizione jazz e di altri strumentisti (pianisti, trombettisti
ecc…).
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu